Azienda Catalogo Contatto
RITORNA ALL' ELENCO

Le lamiere forate di MEVACO sono più convenienti del legno

Più montagna non si può? Alla Tofana Explorer´s Home si può

I vacanzieri che percorrono la strada da Bressanone attraverso la Val Pusteria o da Brunico passando per la Val Gardena in direzione di San Cassiano, possono godere dello straordinario scenario delle Dolomiti, con le loro incredibili cime di 3.000 metri. Arrivati a San Cassiano, ad attenderli c’è un'altra montagna, situata in pieno centro nella zona pedonale. Come è possibile? L’albergatore Günther Frena, gli architetti di noa*, Roman Castlunger di Castlunger Metal e le lamiere forate di MEVACO hanno reso possibile la creazione di un vero capolavoro: il Tofana Explorer´s Home Hotel è stato realizzato ispirandosi alla silhouette di una montagna, non solo all’esterno, ma anche all’interno. Benvenuti in un ambiente alpino messo in scena alla perfezione.

Risanamento o nuovo inizio?

Tutto ebbe inizio con un’importante decisione. L’hotel Tofana fu costruito nel 1933 ed aveva ormai fatto il suo tempo. “Già i miei nonni e i miei genitori” racconta Günther Frena, che gestisce l’azienda familiare in terza generazione insieme alla moglie Verena, “facevano continui lavori di rinnovamento e ampliamento. Ad un certo punto ci siamo resi conto che diventava sempre più complicato mantenere una gestione agevole dell’hotel e soddisfare le esigenze degli ospiti di oggi. Nel 2016 la decisione: avremmo demolito l’edificio per ricostruirlo da zero. Con l’entusiasmo di voler fare qualcosa di completamente nuovo!”

Si fa strada un’idea insolita.

“E’ anche vero che siamo persone un po’ fuori dagli schemi ride Günther Frena durante l’intervista. “Per questo non volevamo che la nuova struttura fosse la copia di altre. Inoltre, noi stessi siamo sempre impegnati con qualche sport. Con buona pace per gli sciatori, gli escursionisti, gli appassionati di mountain bike e di bici da corsa che trovano da noi la partenza ideale per le loro attività. Pensi al passo Valparola, al famoso tour del Sellaronda o ai nostri percorsi escursionistici molto curati che partono proprio davanti all’albergo. In breve: fuori c’è la natura che chiama e noi vogliamo che questa sensazione si ripeta anche all’interno”.

Fuori una montagna. Dentro, relax allo stato puro.

Questo succede realmente: come si confà ad una vera montagna nel mezzo delle Dolomiti, il Tofana Explorer´s Home si presenta in maniera diversa a seconda dell’angolo di osservazione. Le facciate hanno spigoli e creste, nessuna è uguale alle altre. Sulle terrazze crescono alberi, sulla cima dell’hotel c’è una jacuzzi esterna con una vista mozzafiato sull’anfiteatro roccioso del paesaggio montano di San Cassiano. All’interno, l’edificio in classe energetica A si distingue per le aree open space e le grandi finestre che inondano lo spazio di luce, mentre la reception ricorda una cabinovia. L’albergo dispone inoltre di un’officina per le bici e di una zona fitness, la cui vista fa dimenticare ad alcuni ospiti il motivo per cui ci sono entrati. “Adesso, anche le condizioni di lavoro in cucina e nel ristorante sono ideali” si rallegra Günther Frena.

A volte le cose più convenienti sono addirittura meglio.

Rimane ancora aperta la questione di come si sia arrivati all’impiego di 670 metri quadri di lamiera forata MEVACO. A questa domanda l’albergatore non può trattenere un sorriso compiaciuto. “A dire la verità all’inizio avevamo pensato al legno” racconta. “Cosa tra l’altro abbastanza normale dalle nostre parti. “Però la calcolatrice è stata chiara: la manutenzione del legno è molto costosa. Le lamiere forate MEVACO al confronto sono più economiche e durano a lungo. Questo aspetto è stato decisivo”. A ciò si è aggiunto il fatto che le lamiere forate davano una certa leggerezza. “Non volevamo livelli omogenei, ma un po’ di movimento”, così spiega la ricaduta della scelta finale sulle lamiere forate MEVACO, per esempio della Creativ Line. “Di questa linea abbiamo utilizzato due varianti diverse e scelto poi in aggiunta altre due forature classiche” spiega Roman Castlunger della ditta Castlunger Metal di San Martino in Badia. “Abbiamo utilizzato il foro arabica e quello a nido d’ape della Creativ Line, nonché le forature classiche MEVACO R10 T15 e LRZ 10x50-19-60. Anche la sua ditta metalmeccanica è arrivata alla terza generazione – cosa che si rivela un vero vantaggio, come racconta il titolare stesso: “Per noi il know-how è la condizione più importante per ottenere una qualità eccellente. E negli 85 anni della nostra storia aziendale ci siamo appropriati di tanta competenza!”.

Un cantiere con molte sfide.

Di questo ne ha approfittato anche Günther Frena. “Le lamiere forate hanno supportato il concetto di urban style nel mezzo delle montagne”, così commenta l’aspetto originale del suo albergo. “I nostri ospiti lo apprezzano molto. Ne sono assolutamente entusiasti!”. Ma prima di poter godere del lavoro fatto, si doveva portarlo a termine. “Abbiamo utilizzato le lamiere forate in tutta l’area esterna, su scale e ringhiere” racconta Roman Castlunger. “E’ stato un cantiere esigente con molte sfide tecniche. Inizialmente abbiamo montato tutte i pannelli senza impalcature, solo con l’aiuto di ponti elevatori e gru, perché il terreno richiedeva così. Senza contare che tutte le lamiere forate – pur sempre 500 pezzi – avevano un formato diverso. Prima del montaggio le abbiamo smussate”. “Un compito non facile, ma che ne è valso la pena: “Secondo me la lamiera forata presenta due vantaggi” prosegue il carpentiere metallico. “Uno è nell’estetica: le lamiere forate sono pulite, lineari, e comunque versatili. Il secondo è molto chiaro e riguarda il risparmio di peso”.

Con ottimismo verso il futuro

Il committente poteva dunque vedere soddisfatto come il suo nuovo hotel assumesse sempre più le sembianze di una montagna. “Lavoriamo con MEVACO da oltre 10 anni” prosegue Roman Castlunger. “Poiché in campo edile si lavora sempre più con prodotti di acciaio e i clienti pretendono una qualità sempre maggiore, sono certo che insieme realizzeremo ancora molti bei progetti”. Anche l’albergatore Günther Frena guarda ottimista al futuro. “Nel frattempo da noi arrivano ospiti che prima non trovavano la strada per San Cassiano” racconta. “Il nostro hotel, che assomiglia ad una montagna, è un’attrazione per la stessa località!”

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

Legga regolarmente le novità sui prodotti e i servizi MEVACO e scopra gli interessanti ed originali esempi di applicazione

  • rimanga aggiornato
  • scopra sempre nuovi ed interessanti esempi di applicazione
  • scopra per primo le promozioni imperdibili

Grazie per essersi registrato alla nostra newsletter. A breve riceverà una mail con il link di conferma