RITORNA ALL' ELENCO
Un’abitazione rivestita con lamiera stirata
Un’abitazione rivestita con lamiera stirata
Un’abitazione rivestita con lamiera stirata
Un’abitazione rivestita con lamiera stirata
Un’abitazione rivestita con lamiera stirata
Un’abitazione rivestita con lamiera stirata

L’architettura moderna incontra l’idilliaco paesaggio montano

UNA FACCIATA IN LAMIERA STIRATA GRIGIA COME LA PIETRA

Come si crea un contrasto mozzafiato? Inserendo l’architettura moderna in un idilliaco paesaggio di montagna. Proprio questo è successo nella Valgiovo, nel comune altoatesino di Racines. Il paesino di soli 440 abitanti si è impreziosito da qualche tempo di un edificio stravagante: una casa parrocchiale la cui facciata è stata rivestita completamente con lamiera stirata verniciata a polveri. Tutti gli sguardi sono attratti dalla nuova irresistibile struttura. Ma il brutto tempo deve rimanere fuori.

Chi non risica non rosica: il rivestimento in lamiera stirata

Ci sono luoghi in cui il mondo va ancora come dovrebbe. Uno di questi è la Valgiovo, nel comune altoatesino di Racines. La regione è caratterizzata da alpeggi, boschi di conifere e masi tradizionali. Il turismo è arrivato, ma ancora in misura contenuta. L’architettura moderna non è qualcosa che ci si aspetta in un luogo come questo. Eppure esiste: una nuova casa parrocchiale rivestita di lamiera stirata. I lavori di realizzazione sono iniziati nel maggio del 2014. All’inizio di settembre 2016 c’è stata la cerimonia di inaugurazione. Ma come mai si è deciso di realizzare un progetto così straordinario? Il Comune di Racines voleva creare nuovi spazi per le associazioni e la parrocchia. La casa parrocchiale preesistente aveva ormai fatto il suo tempo. Dopo la demolizione del vecchio edificio era necessario realizzarne uno nuovo nello stesso posto. Il lavoro di progettazione è stato affidato allo studio di architettura di Bolzano Lunz Zöschg & Partner, che ha presentato un progetto audace: una struttura a forma di cubo con finestre trapezoidali di diverse forme e dimensioni e avvolta da un involucro esterno di lamiera stirata. E il Comune si è dimostrato incredibilmente propenso a cogliere questa sfida.

Lamiera stirata di alluminio come protezione della facciata

Gli architetti erano alla ricerca di un materiale che potesse proteggere la nuova casa parrocchiale dal clima rigido tipico delle regioni di montagna. Inoltre, l’aspetto esteriore doveva ricordare la facciata forata della vecchia casa parrocchiale. Dopo la pubblicazione di un bando di gara pubblica da parte del Comune di Racines, l’appalto per i lavori della facciata è stato affidato alla ditta altoatesina Überegger. In realtà il settore principale dell’azienda è la produzione di portoni per uso industriale, tuttavia il progetto in qualche modo era riuscito a suscitare un interesse tale, per cui – da cosa nasce cosa – e l’azienda si è aggiudicata l’incarico. Per quale motivo la scelta è caduta sulla lamiera stirata MEVACO a rombo 76x35x11 in alluminio? Ce lo rivela l’amministratore Daniel Überegger: “È molto più facile da lavorare rispetto ad altri materiali”. Oltre alla forma a rombo e alla grandezza delle maglie, l’architetto non aveva posto altre indicazioni. Anche il tipo di fissaggio è stato proposto dalla ditta Überegger. Gli artigiani non hanno dovuto fare molto lavoro di convincimento. “Abbiamo rivestito un plastico con la lamiera stirata MEVACO e l’abbiamo presentato all’architetto.” E ci siamo trovati subito d’accordo.

Un montaggio dalle forme perfette

Il montaggio in quanto tale è stato una vera sfida, visto che è stato necessario organizzare la realizzazione congiunta di diverse opere, tenendo conto dei requisiti e, naturalmente, anche delle tempistiche. Quando si realizza una facciata esterna, a decidere non sono solo l’architetto e il committente. Anche il lattoniere e il carpentiere hanno avuto voce in capitolo. L’importante era che sopra alla lamiera stirata ci fosse una struttura di chiusura pulita che non facesse passare l’acqua. “Abbiamo rivestito la sottostruttura costituita da tavole di legno massiccio con la lamiera stirata – a 360° tutt’intorno all’edificio”, spiega Daniel Überegger. “Ottenere un montaggio dalle forme perfette è stato molto difficoltoso. E poi l’altezza doveva essere sempre uguale e dovevamo rispettare anche le stesse distanze”. Sei dei suoi nuovi collaboratori hanno fatto il possibile affinché tutto procedesse senza intoppi. Ma noi sappiamo che “una buona pianificazione è già metà del lavoro”, assicura il capo dell’azienda con un sorriso.

Lamiera stirata con angoli e bordi dal taglio personalizzato

A ciò si sono aggiunte le particolarità architettoniche dell’edificio: le finestre in diverse forme e misure. “Per essere precisi, non si tratta di finestre, bensì di aperture per far entrare la luce”, corregge Daniel Überegger. “Le finestre e le porte si trovano a circa due metri dietro alla facciata.” Succede così di essere praticamente già nell’edificio prima di entrare in casa, ci si trova in una sorta di atrio protetto. Lo stesso vale per i piani superiori. E il maltempo deve starsene fuori. Il che, nei freddi inverni della Valgiovo, è un notevole vantaggio. La preparazione della lamiera stirata è stata molto complessa. Sebbene MEVACO abbia già prodotto e fornito misure speciali, in questo caso è stato necessario realizzare soluzioni del tutto personalizzate. Da ogni singola lamiera dovevano infatti essere tagliati gli angoli e le parti inclinate. Per questo scopo l’azienda si è procurata una speciale sega circolare. “Ci ha consentito di risparmiare molto tempo, ammortizzando in fretta l’investimento”.

Lineare, ma che risultato!

E cosa dice lo specialista sul risultato? “Mi piace il gioco che si crea tra la facciata lineare e le aperture trapezoidali” spiega Daniel Überegger. “Un edificio di questo tipo in realtà sarebbe più indicato per la città. Il progetto ci ha divertiti. È sempre un grande successo quando si riescono a realizzare in modo preciso le richieste dei clienti. Sia a livello di funzionalità sia di estetica”. Poiché oltre alla vicinanza al cliente, alla qualità e alla puntualità, questo aspetto sta particolarmente a cuore all’azienda artigiana. “Bisogna andare incontro al cliente, comunicare molto e collaborare a stretto gomito”. In questo caso, a quanto pare, si è riusciti pienamente nell’intento.

Versatilità su quattro piani

La nuova casa parrocchiale ha una marcia in più. L’eccentrica struttura infatti è concepita per essere multifunzionale. Nel primo piano ci sono l’abitazione e l’ufficio del parroco. Al secondo piano sono stati integrati due appartamenti per anziani. E non è tutto: il piano terra ospita anche una sala percussioni, un’area riposo, uno spazio per i giovani e una grande sala per le prove musicali. Nel magazzino del piano interrato sono conservati le attrezzature della chiesa e le statue. Per i 440 abitanti della Valgiovo la nuova “casa parrocchiale multifunzionale” è un vero arricchimento.

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

Legga regolarmente le novità sui prodotti e i servizi MEVACO e scopra gli interessanti ed originali esempi di applicazione

  • rimanga aggiornato
  • scopra sempre nuovi ed interessanti esempi di applicazione
  • scopra per primo le promozioni imperdibili

Grazie per essersi registrato alla nostra newsletter. A breve riceverà una mail con il link di conferma