RITORNA ALL' ELENCO

Tutti pronti per la riunione!

Pannelli oscuranti e frangisole in lamiera stirata

Durante le riunioni è importante potersi concentrare. Sguardi e raggi di sole indesiderati possono rendere più complicato questo compito. In questo caso corrono in aiuto i pannelli oscuranti e frangisole, che anche esteticamente si lasciano ammirare. Anche gli uffici non si accontentano di soluzioni standard: con la lamiera stirata MEVACO il lavoro diventa un piacere.

Un materiale fantastico per carpentieri creativi

Quali “plus” deve dimostrare la carpenteria metallica che installa pannelli oscuranti e frangisole in lamiera stirata MEVACO negli uffici stessi di MEVACO? Martin Klein sorride: “Fondamentalmente si è trattato di una sfida come un’altra. La differenza è che forse avevo più occhi puntati addosso. La lamiera stirata è un materiale straordinario, ma la fase d’incasso può diventare più impegnativa, a seconda dell’utilizzo”. In questo caso, con la lamiera stirata a rombo 62x28x14, in alluminio e successiva verniciatura a polveri RAL 9007 e spessore di 2,00 mm, è stata usata addirittura una pre-serie. All’inizio questo materiale appare piuttosto labile a causa delle molte bugnature e degli avanzamenti. Poiché la struttura finale deve ovviamente risultare stabile, Martin Klein l’ha fissata posteriormente a un telaio, ma in modo da rendere il fissaggio invisibile. In ultimo, l’intera struttura è stata verniciata. L’esperto carpentiere ha comunque sempre pronti dei preziosi consigli extra da elargire, come la lavorazione dell’alluminio con la sega circolare. Anche in tema di telai, Martin Klein è un dispensatore di consigli: “Chi non vuole fare il lavoro da sé, può avvalersi dei profili ad incasso già pronti di MEVACO. In caso di grandi pannelli esterni, raccomando un’intelaiatura e la successiva zincatura per garantire una protezione antiruggine”.

L’unica domanda alla quale Martin Klein della ditta di Schlierbach “Hans Klein – Heizung und Sanitär GmbH“ non sa dare una risposta, è il perché la sala riunioni negli uffici di MEVACO si chiami “Mozart“. Per tutte le altre domande, le sue risposte scorrono come un fiume in piena. Cosa che non stupisce, visto che la carpenteria metallica si porta dietro una profonda esperienza con la lamiera stirata e la lamiera forata. E questo, nonostante la ditta fosse originariamente specializzata nell’installazione di sistemi di riscaldamento.

Nessuna soluzione standard

“Poi si è aggiunto il comparto sanitario e quello idraulico” ricorda Martin Klein. “I lavori di carpenteria erano sempre richiesti. Ad un certo punto abbiamo sviluppato delle tecnologie di regolazione del riscaldamento per appartamenti, prodotti internamente da noi. E già in quel momento eravamo immersi nella lavorazione del metallo: per esempio per il rivestimento di impianti di climatizzazione con la lamiera forata. Poiché da noi è normale trovare soluzioni non immediate e siamo vicini di casa di MEVACO, è stato naturale instaurare una collaborazione.

Flessibile e stabile allo stesso tempo

Queste considerazioni ci portano alla sala riunioni “Mozart”: questa sala si surriscaldava velocemente non appena il sole batteva direttamente sulle finestre. Era dunque necessario prevedere una protezione che – va da sé – doveva essere realizzata in lamiera stirata MEVACO. “Probabilmente in quell’occasione più occhi del solito erano puntati su di me” ride Martin Klein. ”Soprattutto perché con la lamiera stirata a rombo 62x28x14, in alluminio e successiva verniciatura a polveri RAL 9007 con spessore di 2,00 mm, è stata usata una pre-serie. Se si prende in mano questo materiale, sembra labile a causa delle molte bugnature e degli avanzamenti. Ci sono solo pochi spazi che non sono stirati ed incrociati. La struttura finale deve, ad ogni modo, essere stabile. Nonostante sia possibile saldare l’alluminio, abbiamo deciso di fissare la lamiera stirata posteriormente su un telaio, ma in una maniera tale da risultare invisibile. Infine, l’intera struttura è stata verniciata”.

Tanto chic quanto durevole

In quest’occasione Martin Klein ha fatto esperienze positive con la sega circolare. “Solitamente tagliamo le lamiere di acciaio con un flessibile sottile, mentre l’alluminio si taglia ottimamente con una sega circolare”. A questo punto si dovevano costruire ancora le guide di scorrimento per poter spostare la costruzione a seconda dell’irraggiamento solare. Si è visto che una guida era sufficiente e che potevamo rinunciare alla seconda sul davanzale. Alla fine, tutto l’insieme risultò molto chic, aspetto che mantiene ancora oggi”. Del resto la caratteristica principale della lamiera stirata è la sua durevolezza. Per questo Martin Klein la utilizza in ogni occasione possibile. “Di recente l’abbiamo utilizzata per rivestire un acquario. Grazie alle maglie, arriva la quantità sufficiente di luce nei punti giusti”.

Pannelli frangisole per Mozart

Ma ha pronti anche altri consigli. “Se non si vuole produrre da soli un profilo, si può lavorare con i profili ad incasso già pronti di MEVACO. In caso di grandi pannelli esterni, raccomando un’intelaiatura e la successiva verniciatura per la protezione antiruggine”. In questo modo si è data risposta a tutte le domande, eccetto una. Dunque, siamo sinceri: perché la sala riunioni si chiama “Mozart”? “Non ne ho assolutamente idea” ammette Martin Klein ridacchiando. “Ma sono certo che al geniale compositore sarebbe piaciuto il nostro sistema di protezione dal sole in lamiera stirata”.

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

Legga regolarmente le novità sui prodotti e i servizi MEVACO e scopra gli interessanti ed originali esempi di applicazione

  • rimanga aggiornato
  • scopra sempre nuovi ed interessanti esempi di applicazione
  • scopra per primo le promozioni imperdibili

Grazie per essersi registrato alla nostra newsletter. A breve riceverà una mail con il link di conferma